Tempo e Nostalgia – Orvieto 30 novembre

Schermata 2014-01-25 alle 22.22.36.png

“TEMPO E NOSTALGIA”
Il philoshow di Popsophia

Palazzo Coelli (Orvieto)
Giovedì 30 novembre – ore 21.30

Il philoshow di Popsophia protagonista del festival di filosofia di Orvieto. L’Associazione Culturale Popsophia prenderà parte all’appuntamento nazionale “Orvieto in Philosophia”, il nuovo festival di filosofia in dialogo che, il 29 e 30 novembre e il 1 dicembre, porterà nella bellissima città umbra ospiti come Massimo Cacciari, Massimo Donà, Andrea Tagliapietra, Luciano Dottarelli per indagare il tema del “Tempo”.   Il festival umbro ospiterà un nuovo philoshow prodotto da Popsophia dal titolo “Tempo e nostalgia, da Federico Fellini ad Adele” che salirà sul palco dell’Auditorium del Palazzo Coelli di Orvieto giovedì 30 novembre alle ore 21.

Continua a leggere

Philodiritto – 10 e 11 novembre a Macerata

FB_1.jpgPHILODIRITTO è un festival nazionale interamente dedicato alla “pop-filosofia del Diritto e del Crimine”, che si svolgerà il 10 e l’11 novembre a Macerata. Incontri filosofici, dibattiti giuridici, proiezioni cinematografiche e spettacoli musicali che il Comune di Macerata organizza insieme all’Associazione Popsophia con la direzione di Lucrezia Ercoli, alla Camera Penale di Macerata, al Comitato per le Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Macerata. Partner eccezionali il Consiglio Nazionale Forense e il suo quotidiano “Il Dubbio” e l’Unione Camere Penali Italiane.

SCARICA IL PROGRAMMA DELLA PRIMA EDIZIONE

Continua a leggere

Esercizi di Popsophia – 3 novembre ad Ascoli Piceno

invito_lucrezia.jpg

Che la forza sia con te! Esercizi di Popsophia è l’ultimo libro della Direttrice Artistica di Popsophia, Lucrezia Ercoli, edito da “Il Nuovo Melangolo” (Genova, 2017). L’autrice presenterà il libro in anteprima nazionale venerdì 3 novembre alle ore 17:30 ad Ascoli Piceno presso il foyer del Teatro Ventidio Basso. Saranno presenti insieme all’autrice il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, la direttrice dell’Ufficio Scolastico Provinciale Carla Sagretti. Al termine ci sarà la degustazione offerta dalla cantina Borgo Paglianetto.

Continua a leggere

Con quella bocca può dire ciò che vuole

new_lisi.jpg

 “Con quella bocca può dire ciò che vuole”. Con questa frase e con un primo piano delle labbra perfette di Virna Lisi si chiudeva la pubblicità del dentifricio Chlorodont nel Carosello del 1957. Ed è stato proprio questo slogan ideato da Marcello Marchesi che, unito al suo neo sensuale vicino alla bocca, ha dato metaforicamente inizio alla popolarità di Virna Lisi, una delle dive italiane più amate di tutti i tempi.

Continua a leggere

L’odio e il dubbio

black-mirror-slide.jpgArticolo uscito su “Il Dubbio” il 12/09/2017 – “Le opinioni delle persone, su internet, sono mutevoli come il clima. Non è odio vero, non lo pensano davvero” spiega la protagonista di Odio Universale, in originale Hated in the Nation, una delle più belle puntate dell’amata serie tv britannica Black Mirror.

Il cinguettio di Twitter con il suono del disprezzo, la notifica Facebook con il rumore del dileggio. Una sintesi perfetta che ritrae l’inquietante metamorfosi di un sentimento ancestrale e immortale che impatta con l’universo dei social network.

Continua a leggere

#sanremo2017: spettatori emancipati e cultura convergente

IMG_4816.JPGl’Unità 10/02/2017 – La pietra dello scandalo di Sanremo 2017 è stato un tweet di Caterina Balivo: l’abbigliamento di Diletta Leotta, a suo dire, non era adeguato per parlare della violazione della privacy e del cyberbullismo di cui era stata vittima. Malgrado le scuse, seguite dopo le critiche piovute dal web e dagli stessi presentatori, si è aperto un dibattito infinito, dalla libertà delle donne all’uso dei social network.

Singolare che la principale polemica che ha animato la discussione dei primi giorni del festival faccia riferimento a qualcosa che è avvenuto fuori dal programma. Le chiacchiere da bar, le battute intorno al divano di casa, i commenti acidi tra amici, inondano il web e acquistano una risonanza esplosiva, rimbalzando dalla piazza mediatica allo schermo del televisore.

Continua a leggere