Thauma: la filosofia e la passione

Gradara – marzo 2014

Thauma, la filosofia nasce da un sentimento

di Lucrezia Ercoli

scuola di atene.jpg

“Prendila con filosofia!”

Una frase che sentiamo ripetere spesso nei nostri dialoghi quotidiani.

Come se il filosofo – grazie alla sapienza che alberga dentro di lui – fosse al riparo dagli accidenti del mondo, dai sentimenti che turbano e sconvolgono le vite dei comuni mortali. Come se la filosofia – in quanto sapere a-patico, letteralmente privo di pathos, di passione – avesse il compito di controllare e anestetizzare le emozioni.

E se, invece, la filosofia – così ingiustamente dileggiata dal linguaggio comune – si originasse proprio da un’emozione?

Nel dialogo Teeteto, Platone mette in bocca a Socrate queste parole: “Questo pathos è proprio del filosofo: il thaumazein. E la filosofia non ha altro principio che non sia questo”.

La filosofia, ci dice Platone, non soltanto è collegata a un pathos, ma ne trae addirittura origine. E la passione specifica dell’attività del filosofo è racchiusa nel verbo greco thaumazein e nel relativo sostantivo thauma.

Anche Aristotele, nel brano celeberrimo che apre il primo libro della Metafisica, scrive: “Gli uomini furono mossi a filosofare dal thaumazein”. Lo stesso verbo utilizzato da Platone – thaumazein – è individuato da Aristotele come causa e origine della filosofia.

Che cosa significa, dunque, il termine thauma?

Non si tratta di un sentimento qualunque. La parola italiana “meraviglia” – utilizzata spesso per tradurre questo concetto – non riesce a rendere la complessità del significato originario: il thaumazein, infatti, è un turbamento che sconvolge, uno stupore che si unisce allo sgomento di fronte a qualcosa che ci affascina e, insieme, ci spaventa.

La filosofia, quindi, non è razionalità a-patica che inizia quando le passioni e le emozioni si spengono. Al contrario, la filosofia non è concepibile senza l’esperienza del thaumazein, della meraviglia di fronte alle cose del mondo che ci emozionano e ci spaventano.

La filosofia, in altri termini, è figlia di una condizione emotiva. Non è una “filastrocca di opinioni” da studiare a memoria, né una raccolta di ragionamenti astratti che ci allontanano dai piaceri e dai dispiaceri della vita.

“Prendila con filosofia” – se diamo ascolto a Platone e Aristotele – vuol dire affrontare coraggiosamente le nostre emozioni, ascoltare con cura i nostri sentimenti in una ricerca incessante sui problemi che ci appassionano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...